TERRE RARE GROENLANDIA – NO SFRUTTAMENTO

TERRE RARE GROENLANDIA – NO SFRUTTAMENTO

Kvanefjeld è il sesto giacimento di uranio al mondo ma è anche il sito più ricco di terre rare di tutto il globo. Terre rare, in particolare neodimio, che sono fondamentali per la transizione energetica globale e trovano impiego, tra l’altro, nelle tecnologie digitali, nelle auto elettriche e nelle turbine eoliche.
L’isola è anche ricca di petrolio, piombo, oro e zinco.
Il governo precedente puntava proprio sull’avvio dello sfruttamento delle risorse minerarie di Kvanefjeld per rimpolpare il bilancio dell’isola e potersi permettere l’indipendenza dalla Danimarca. Il futuro della Groenlandia, secondo l’esecutivo uscente, avrebbe dovuto puntare sugli ingentissimi giacimenti di minerali preziosi.
Il governo precedente, che aveva avviato l’iter per assegnare le licenze di sfruttamento riscuotendo l’interesse di Greenland Minerals compagnia basata in Australia ma di proprietà cinese, è andato in crisi proprio sulla questione dello sfruttamento di queste risorse. La coalizione si è spaccata, costringendo il partito di maggioranza relativa Siumut a mandare tutti al voto anticipato.
La campagna elettorale in Groenlandia ha messo i 50mila abitanti dell’isola, che dipende dalla Danimarca, di fronte a un aut aut: per come l’ha presentata il partito di sinistra guidato da Egede, la scelta era tra salute e indipendenza da Copenhagen. E ha vinto la salute.

www.mpi.it – www.mpimagnets.com
tel.: +39 0293566034
Email: info@mpi.it